Studio legale avvocati in Pisa Foggia-Americo
Lo Studio Legale Foggia-Americo dal 1965 a Pisa
050.542786            

ASCOLTIAMO I NOSTRI CLIENTI


MUTUI 29.07.2017

Mutuo fondiario: il mancato rispetto del limite di finanziabilità ne comporta la nullità

Ai sensi dell’art. 38, secondo comma, del TUB (Testo Unico Bancario)

 

 

Ai sensi dell'art. 38, comma 2, del TUB (Testo Unico Bancario), “2. La Banca d'Italia, in conformità delle deliberazioni del CICR, determina l'ammontare massimo dei finanziamenti, individuandolo in rapporto al valore dei beni ipotecati o al costo delle opere da eseguire sugli stessi, nonché le ipotesi in cui la presenza di precedenti iscrizioni ipotecarie non impedisce la concessione dei finanziamenti”.

Come statuito da Cass. n. 17352 del 13.7.2017, il mancato rispetto del limite di finanziabilità, ai sensi dell'art. 38, comma 2, del T.u.b. e della conseguente Delib. Cicr, determina di per sè la nullità del contratto di mutuo fondiario; e poichè il detto limite è essenziale ai fini della qualificazione del finanziamento ipotecario come, appunto, "fondiario", secondo l'ottica del legislatore, lo sconfinamento di esso conduce automaticamente alla nullità dell'intero contratto fondiario, salva la possibilità di conversione di questo in un ordinario finanziamento ipotecario ove ne risultino accertati i presupposti.

 

Ferma allora la nullità del contratto di mutuo fondiario, l'unica modalità di recupero del contratto nullo è quella della conversione in un contratto diverso (art. 1424 c.c.).

Alberto Foggia



Ricevi gli aggiornamenti su Mutuo fondiario: il mancato rispetto del limite di finanziabilità ne comporta la nullità, MUTUI e gli altri post del sito:


Newsletter: (gratis Info e privacy)


Alberto 29.07.2017
Tag: > > >